Tag

recensione

0 In Cina e Giappone in Libri/ Collaborazione/ Narrativa straniera contemporanea/ Recensione

Le delizie della signorina Ashikawa: Takase Junko e la sua velata denuncia all’ambiente lavorativo nipponico

Cosa hanno in comune Nitani, Oshio e Ashikawa? Di certo non la loro concezione e il loro atteggiamento sul luogo di lavoro: Nitani e Oshio sono diligenti e ligi al dovere; Ashikawa, al contrario, è sbadata, si assenta spesso e si impegna giusto il minimo indispensabile. Per farsi perdonare, Ashikawa si reca ogni giorno al lavoro portando gustosi manicaretti da condividere con i suoi colleghi, riuscendo così a entrare nelle grazie di chiunque. Altra caratteristica che la distingue dai colleghi…

Continua a leggere →

In Cina e Giappone in Libri/ Collaborazione/ Narrativa straniera contemporanea/ Recensione

Dendera: un romanzo fatto di splatter, bigottismo e crudeltà

L’ubasute è un crudele fenomeno ben noto in Giappone: secondo quanto tramandato dai racconti popolari, le donne anziane, per l’età avanzata o per una qualche malattia, venivano portate dai loro familiari sulle montagne o in luoghi remoti e poi abbandonate lì, per non gravare sulle spalle della propria famiglia o del villaggio. È quanto accade a Kayu, protagonista del romanzo, all’età di 70 anni. Per il Villaggio non ha più alcuna utilità, non offre alcun vantaggio economico, diventerebbe soltanto una bocca…

Continua a leggere →

In Cina e Giappone in Libri/ Collaborazione/ Narrativa straniera contemporanea/ Recensione

108 rintocchi: una storia dolce per addentrarsi nelle tradizioni del Capodanno giapponese

Quello che precede il Capodanno è il periodo più frenetico per Sohara, il tuttofare dell’isola: riparare finestre, aggiustare scale, sgorgare lavandini. In Giappone ripulire e rimettere apposto tutto prima dell’inizio del nuovo anno è una vera e propria tradizione: l’ōsōji (“grandi pulizie”) aiuterebbe a liberarsi dalle impurità dell’anno precedente. Ad aprire l’anno sono i 108 rintocchi delle campane che, nella tradizione buddhista, purificherebbero dalle 108 passioni umane. Il protagonista Sohara è felice del suo lavoro: ogni faccenda da sbrigare diventa un…

Continua a leggere →

In Cina e Giappone in Libri/ Recensione

Anima, o Il cuore delle cose: un must della letteratura giapponese

Un giovane studente, trasferitosi a Tōkyō per studio, un giorno incontra un uomo con cui instaura un’amicizia particolare: diventerà per lui un punto di riferimento, nonostante non abbia un’occupazione e sia una persona cupa, isolata, restia alle relazioni con gli altri. Di lui non conosciamo il nome, perché il giovane, raccontandoci la storia, si riferirà a lui come Maestro. Intenzionato a capire quale sia la ragione che lo rende così misantropo, riluttante ad aprirsi al mondo e scontroso nei confronti…

Continua a leggere →

In Collaborazione/ Narrativa straniera contemporanea/ Recensione

Affamata: il racconto crudo di Melissa Broder

Leggere la storia di Rachel è stata una pugnalata nel petto pagina dopo pagina.  Mai come adesso mi sono immedesimata tanto in un personaggio, riuscendo persino a prevedere, in qualche modo, i suoi comportamenti, le sue reazioni, i suoi pensieri. “Ma quando osservavo quelle donne magre magre in modo assurdo dimenticavo la sofferenza e vedevo solo il bozzolo privo di carne che le proteggeva dal giudizio, dal dolore e dalla vergogna. Quando guardavo quelle donne magre, magre in modo assurdo,…

Continua a leggere →

In Gotici e horror/ Narrativa straniera contemporanea/ Recensione

Joyland: non il solito romanzo horror

Un luna park, una Casa degli Orrori realmente abitata da un fantasma, uno studente squattrinato che si reca lì a lavorare per le vacanze estive… gli ingredienti perfetti per una classica storia dell’orrore, si potrebbe pensare. Joyland però non è questo. O almeno, non solo. Siamo a Heanven’s Bay, nell’estate del 1973. Il ventunenne Devin Jones decide di sospendere gli studi per un po’: in seguito alla separazione e alla successiva rottura con la sua ragazza, ha bisogno di tempo,…

Continua a leggere →

In Cina e Giappone in Libri/ Libri & Film/ Recensione

Midnight Swan: dal film al libro di Uchida Eiji

“New Half”, “metà uomo e metà donna”, è un termine che si è diffuso in Giappone negli anni ‘80 per indicare chi ha intrapreso un percorso di transizione. A Nagisa però quella definizione sta stretta, dal momento che si sente completamente donna. La accetta, perché forse rende le cose un po’ più semplici, perché non trova alternative migliori. La accetta perché, d’altronde, è impiegata in un New Half show club, dove altre donne come lei lavorano come ballerine. Nagisa è…

Continua a leggere →

In Cina e Giappone in Libri/ Collaborazione/ Narrativa straniera contemporanea/ Recensione

Non è un lavoro per ragazze: adolescenza e ribellione

“In seconda media, a tredici anni, la sottoscritta Ōnishi Aoi ha ucciso due persone. […] Dopo averci riflettuto molto sono giunta alla conclusione che quello dell’assassina non è un lavoro per ragazze.” Non so voi, ma a me un incipit così mi ha folgorato. Come possono due ragazzine architettare e compiere atti simili senza essere scoperte? E soprattutto, come possono anche solo pensare di farlo? L’amicizia fra Aoi e Shizuka, agli inizi dell’estate in una remota isola della prefettura di…

Continua a leggere →

In Cina e Giappone in Libri/ Recensione

Il sole si spegne – Osamu Dazai

Parlarvi de “Il sole si spegne” non mi è per niente facile. L’attenzione di questo libro non va tanto a porsi sulla sua trama, quanto sulla riflessione che contiene. Perché questo libro è una riflessione: sul dopoguerra, su un’aristocrazia ormai decaduta, sulla vita e la morte. I fratelli Kazuko e Naoji vivono a casa con una madre malata, che amano e di cui si prendono cura, ma che allo stesso tempo rappresenta per loro un limite, una costrizione, una pressione.…

Continua a leggere →

In Cina e Giappone in Libri/ Narrativa straniera contemporanea/ Recensione

Luna nomade: andare oltre le apparenze con Nagira Yuu

Una bambina, Sarasa, abbandonata da sua madre in tenera età, un uomo, Fumi, con il “complesso di Lolita” che le permette di vivere a casa sua per due mesi. Sarebbe facile pensare al peggio. Ma spesso l’apparenza inganna. Sarasa, infatti, passa dalla felicità e la spensieratezza in cui viveva con i suoi genitori, alle rigide – e per lei inspiegabili – regole a cui deve sottostare a casa della zia, in seguito alla morte del padre e alla fuga della…

Continua a leggere →