Tag

letteraturagiapponese

0 In Cina e Giappone in Libri/ Collaborazione/ Recensione

Matasaburō del vento: buddhismo, tradizione, natura nei racconti di Miyazawa Kenji

Miyazawa Kenji (1896-1933), originario di Hanamaki, prefettura di Iwate, fu uno scrittore di racconti – prevalentemente per ragazzi, dōwa – e poesie molto prolifico, oltre che un appasionato di esperanto, mineralogia, musica. In questo volume, portato in Italia da Marsilio Editori, sono compresi nove racconti, di cui cinque appartenenti alla raccolta Un ristorante pieno di richieste (1924). Nove racconti permeati di atmosfere magiche e prettamente influenzati dalla dottrina buddhista, di cui Miyazawa era seguace, che ci immergono in ambientazioni in…

Continua a leggere →

0 In Cina e Giappone in Libri/ Collaborazione/ Recensione

Un serpente di giugno: dal film al libro di Tsukamoto Shin’ya

Una coppia priva ormai di interesse reciproco, quella di Rinko, consulente telefonica per chi soffre di disturbi psichici, e il marito Shigehiko. Così vuoto il loro rapporto, che ormai non dormono neanche più insieme. Finché qualcosa non arriva a dare una scossa alle loro vite. Qualcosa, o meglio, qualcuno, di assurdo, deviato, disturbante. Una busta con delle foto che ritraggono Rinko in momenti di autoerotismo, il cui autore è un fotografo che poco tempo prima si era rivolto proprio alla…

Continua a leggere →

0 In Cina e Giappone in Libri/ Recensione

Morbide Guance – Natsuo Kirino

Morbide guance sono quelle della piccola Yuka, scomparsa misteriosamente all’età di soli 5 anni. Non si darà mai pace sua madre Kasumi che, ogni anno, nell’anniversario della sua scomparsa, si recherà lì, fra le montagne dell’Hokkaidō, dov’è avvenuta la tragedia: un posto isolato, circondato solo dai boschi e da un lago, dove la popolazione è rada e sembra non esserci alcuna pista da seguire… come fare a incolpare qualcuno? In Hokkaidō, terra in cui era cresciuta ma da cui era…

Continua a leggere →

0 In Cina e Giappone in Libri/ Recensione

Il diario geniale della signorina Shibata: sul lavoro e le donne in Giappone

La signorina Shibata è impiegata in un’azienda che produce anime per rotoli di ogni tipo. Unica donna all’interno dell’azienda, alle sue mansioni ne vengono spesso aggiunte altre extra: preparare il caffè per i visitatori, distribuire dolci e snack, lavare le stoviglie al bisogno. E lei è stanca. Così, un giorno, quando le viene rimproverato di non aver lavato delle tazze, lei si giustifica inventandosi di punto in bianco una gravidanza, a causa della quale l’odore del caffè le provoca nausea.…

Continua a leggere →

In Cina e Giappone in Libri/ Collaborazione/ Recensione

Uova: dolcezza, genuinità, e tanto gusto!

Prendete tanta passione per la cucina, mescolatela con un cucchiaio abbondante di dolcezza, uniteci la voglia di condividere e, come ciliegina sulla torta, decorate con un po’ d’amore. Quello che otterrete è una storia da cui, fidatevi, è impossibile non rimanere affascinati. È una storia dal sapore delicato, ma non per questo una banale storia d’amore. Satoji, cuoco per passione, è un cliente abituale dell’izakaya (una sorta di pub) Yururi, gestita dal vecchio e simpatico Shigeo: è qui che incontrerà…

Continua a leggere →

In Cina e Giappone in Libri/ Recensione

Il paese dei desideri. Il ricordo di Hiroshima – Hara Tamiki

“Acqua per favore.” Parole così semplici ma così indelebili. Parole uscite dalla bocca di chi, quel 6 agosto 1945, a stento riusciva a respirare, col corpo colmo di ustioni, con quella luce accecante negli occhi. Parole che Hara Tamiki (1905-1951) non riesce a dimenticare. Che nessuno, fra i sopravvissuti, può dimenticare. Essere un sopravvissuto, un hibakusha, ha causato nell’autore, come in tutte quelle persone nella sua stessa condizione, senso di colpa e spaesamento: perdere tutto, all’improvviso, non poter far nulla.…

Continua a leggere →

In Cina e Giappone in Libri/ Narrativa straniera contemporanea/ Recensione

Nel paese delle donne selvagge: una reinterpretazione del folklore giapponese

Una raccolta di racconti ispirata alla vastissima tradizione folkloristica giapponese che, con diversi toni e intrecci, va a riprendere personaggi e storie reinterpretandoli in una chiave del tutto nuova. Un libro da cui ero incuriosita sia per i suoi contenuti, sia per il titolo stesso: Nel paese delle donne selvagge – titolo ripreso da uno dei racconti della raccolta. Purtroppo però le mie aspettative non sono state soddisfatte. È presente il folklore, sono presenti donne che, in diversi contesti dell’età…

Continua a leggere →

In Cina e Giappone in Libri/ Narrativa straniera contemporanea/ Recensione

I miei giorni alla libreria Morisaki: perdersi fra le librerie di Jinbōchō, Tōkyō

Jinbōchō, Tōkyō: il quartiere delle librerie dell’usato, un paradiso per gli appassionati della letteratura o per gli studiosi, un angolo tranquillo e vintage nel caos di una città ultramoderna. È il quartiere che la venticinquenne Takako si ritrova a frequentare sempre più spesso quando, dopo aver perso non solo l’amore ma anche il lavoro, viene invitata a fermarsi per un po’ dallo zio Satoru, gestore della libreria Morisaki, che da anni vive da solo dopo esser stato abbandonato dalla moglie.…

Continua a leggere →

In Cina e Giappone in Libri/ Recensione

Il Giappone in lungo e in largo: Tōkyō Express

Sayama e Otoki, un funzionario e un’intrattenitrice, vengono ritrovati morti su una spiaggia isolati, dopo esser stati visti partire insieme da Tōkyō. Un suicidio d’amore, sembrerebbe. Ma cosa lega davvero questi due personaggi, e perché hanno scelto proprio quel luogo per mettere fine alle proprie vite? Indagheranno sul caso Mihara e Torigai, due investigatori che, fin dall’inizio, non hanno creduto alla storia del doppio suicidio. Avvenuto tra l’altro proprio nel periodo in cui il ministero in cui era impiegato Sayama…

Continua a leggere →

In Cina e Giappone in Libri/ Recensione

Colori proibiti – Yukio Mishima

Vecchiaia e giovinezza, tradizione e novità, bruttezza e bellezza. Dualismi che caratterizzano l’intera vicenda raccontata da Yukio Mishima in Colori proibiti (1951) – il cui titolo originale, Kinjiki, può stare ad indicare sia quei colori che, nella corta imperiale, erano riservati ai membri di alto rango, sia, eufemisticamente, l’amore omosessuale. Shunsuke, vecchio scrittore contraddistinto da una forte misoginia, conosce Yuichi, un affascinante giovane e personificazione dei suoi ideali di bellezza e purezza. Venuto a conoscenza dell’omosessualità di Yuichi e della…

Continua a leggere →