In Narrativa straniera contemporanea/ Recensione

Dracul: Dacre Stoker e J. D. Barker alla ricerca delle origini di Dracula

La storia inizia quando Bram ha solo 5 anni, e una salute cagionevole che lo costringe a letto. A nulla serviranno le cure dello zio Edward, ma a essergli d’aiuto sarà la sua premurosa tata, Ellen.

Sarà grazie a lei che, improvvisamente, riuscirà a guarire da quella malattia che stava per portarlo alla morte. Da quel momento, però, Ellen scomparirà (quasi) del tutto dalle vite della famiglia Stoker, e a lui rimarrà una cicatrice di due piccoli fori sul braccio, che non si rimargina mai…

Tutto sembra essersi risolto per il meglio, comunque, se non fosse che un giorno la sorella Matilda si reca da lui confessandogli di aver incontrato Ellen: sono passati anni da quella notte, ma il suo giovane aspetto non era mutato.

Quella che leggerete, se deciderete di dare una possibilità a questo libro, è una storia in cui il confine fra realtà e finzione è molto sottile.

Ciò che a Bram Stoker non è stato concesso di raccontare nel suo “Dracula”, ci viene raccontato qui, dal suo pronipote Dacre Stoker e dallo scrittore J. D. Barker. Come ci viene spiegato nella postfazione, infatti, quello che Bram aveva intenzione di pubblicare, i suoi appunti, i suoi diari, non hanno mai visto la luce.

È sulla base di questi che gli autori ci raccontano, in un mix di biografia e storia romanzata, i retroscena che portarono Bram alla stesura del suo capolavoro. E ciò viene fatto con modalità che ricordano proprio quelle del famoso classico: alternarsi fra passato e presente, diari, lettere non solo di Bram, ma anche della sorella Matilda, del fratello Thornley e del misterioso Vambéry.

Conosceremo la reale natura di Dracul, il male che diffonde e, sullo sfondo, una storia d’amore senza fine. Una storia intrigante, che si legge in maniera scorrevole nonostante i continui sbalzi temporali, e tiene fino alla fine – una fine in cui però, secondo me, hanno osato un po’ troppo – col fiato sospeso.

Ero un po’ scettica sull’idea di questo romanzo, ma devo ammettere che è riuscito in qualche modo a superare le mie aspettative e ad coinvolgermi in atmosfere gotiche fatte di chiese abbandonate, tombe profanate, tetri obitori.

Ne consiglio, quindi, la lettura!

Dettagli libro

Titolo: Dracul
Autori: Dacre Stoker, Jonathan Dylan Barker
Traduzione: Francesco Graziosi
Editore: Casa Editrice Nord (disponibile anche in flessibile per Tea Libri)
Pagg.: 467
Prezzo: 18,60 € in rigida, 5 € in flessibile
Qui su Amazon