Categorie

Premio Strega 2019

In Premio Strega/ Premio Strega 2019/ Recensione

Quella metà di noi – Paola Cereda

«Allora, hai deciso? Passo da te o mi fai subito un bonifico? Mi stai ascoltando? Ti dicevo che mi servono quei soldi. Sono solo settantamila. Euro! Se non vuoi sbloccare i tuoi investimenti, puoi vendere l’alloggio. Significa che non venderai? È un no? Il tuo è un no? Non puoi aiutarmi? Non vuoi? Tu esisti per soddisfare i miei bisogni, per vivere una vita secondaria. È a questo che servono le madri.» La trama Quella metà di noi narra la…

Continua a leggere →

In Premio Strega/ Premio Strega 2019/ Recensione

Fratelli d’anima – David Diop

Un romanzo sui “tirailleurs sénégalais” «Mi sono chiesto, esistono lettere simili scritte da tiratori senegalesi? Ho fatto ricerche e ho trovato solo documenti amministrativi su questioni tecniche o burocratiche, richieste di pagamenti in ritardo, cose così. Ho voluto ritrovare attraverso la fiction la psicologia di un soldato senegalese, un uomo che spesso viene dalla campagna africana e finisce in una guerra industriale, come dice Blaise Cendrars.» È così che David Diop spiega, in un’intervista comparsa il 21 aprile 2019 su…

Continua a leggere →

In Premio Strega/ Premio Strega 2019/ Recensione

Lux – Eleonora Marangoni

La gente di oggi non fa che dire che ha bisogno di esotismo, che sogna di spostarsi lontano dalle città, via da tutto e da tutti, che se potesse oh se solo potesse se ne andrebbe in campagna o su un’isola remota, ma dopo un numero di ore tutto sommato contenuto o anche solo alla minima contrarietà, in quelle città non vede l’ora di far ritorno, per ritrovare finalmente la banda larga, le sedute di depilazione laser, il pesce crudo…

Continua a leggere →

In Premio Strega/ Premio Strega 2019/ Recensione

Addio fantasmi – Nadia Terranova

“Una casa tra due mari” Ida è una donna di trentasei anni sposata con Pietro, con il quale vive a Roma dopo essersi trasferita qui da Messina. Scrive, per un programma radiofonico, finte storie vere, come vengono chiamate: storie di persone, di relazioni completamente inventate, ma accomunate dal dolore che ne traspare. Quel dolore che la protagonista di Addio fantasmi esprime nelle sue storie, è un dolore che lei conserva dentro da ben ventitré anni: da quando cioè suo padre,…

Continua a leggere →