0 In Narrativa straniera contemporanea/ Recensione

Vardø. Dopo la tempesta: il romanzo storico di Kiran M. Hargrave

Norvegia nordorientale, 1617. Una terribile tempesta si abbatte sulle acque di Vardø, villaggio sulla costa la cui economia è basata principalmente sulla pesca. Il peschereccio salpato quella sera non c’è più, e insieme ad esso sono scomparsi anche i quaranta uomini che erano a bordo. Toccherà alle donne, ora, portare avanti il villaggio. Donne che imparano a cavarsela da sole, come la protagonista Maren, che nella tempesta ha perso il padre e il fratello. Donne che dovranno fare i conti,…

Continua a leggere →

0 In Cina e Giappone in Libri/ Recensione

Un amore struggente, disperato, totalizzante: Beijing Story di Tongzhi

Un testo anonimo, un autore che si firma come Tongzhi, “compagno”, ma anche, per estensione, “omosessuale”; un testo i cui capitoli si succedono su internet, perché nel suo paese non ha mai visto la luce. “Nella Cina ricca e spietata degli anni recenti, un giovane capitano d’industria abituato a comprare tutto – anche l’amore di chi non lo ama – incontra un ragazzo quasi adolescente, che si prostituisce per necessità economica o forse per autopunizione, e con lui brucia per…

Continua a leggere →

0 In Collaborazione/ Narrativa straniera contemporanea/ Recensione

Il tempo della speranza: si conclude la saga delle sorelle del Ku’damm

Clicca qui per la recensione del primo volume: “Una vita da ricostruire”e qui per la recensione del secondo, “Giorni felici” _________________________________ Siamo nella Berlino degli anni ‘60 e, dopo aver conosciuto le vite di Rike e Silvie nei precedenti volumi, stavolta veniamo accompagnati nelle avventure della sorella più giovane, Florentine. Al suo ritorno da Parigi, Flori si ritrova alle prese con decisioni importanti per il suo futuro: decide di frequentare l’Accademia di Belle Arti, di immergersi totalmente in quella che…

Continua a leggere →

0 In Cina e Giappone in Libri/ Recensione

Il Giappone in lungo e in largo: Tōkyō Express

Sayama e Otoki, un funzionario e un’intrattenitrice, vengono ritrovati morti su una spiaggia isolati, dopo esser stati visti partire insieme da Tōkyō. Un suicidio d’amore, sembrerebbe. Ma cosa lega davvero questi due personaggi, e perché hanno scelto proprio quel luogo per mettere fine alle proprie vite? Indagheranno sul caso Mihara e Torigai, due investigatori che, fin dall’inizio, non hanno creduto alla storia del doppio suicidio. Avvenuto tra l’altro proprio nel periodo in cui il ministero in cui era impiegato Sayama…

Continua a leggere →

0 In Cina e Giappone in Libri/ Recensione

Colori proibiti – Yukio Mishima

Vecchiaia e giovinezza, tradizione e novità, bruttezza e bellezza. Dualismi che caratterizzano l’intera vicenda raccontata da Yukio Mishima in Colori proibiti (1951) – il cui titolo originale, Kinjiki, può stare ad indicare sia quei colori che, nella corta imperiale, erano riservati ai membri di alto rango, sia, eufemisticamente, l’amore omosessuale. Shunsuke, vecchio scrittore contraddistinto da una forte misoginia, conosce Yuichi, un affascinante giovane e personificazione dei suoi ideali di bellezza e purezza. Venuto a conoscenza dell’omosessualità di Yuichi e della…

Continua a leggere →

In Manga & graphic novel/ Recensione

Pelle d’uomo: una lotta contro il patriarcato e i pregiudizi

In una società medievale non ben specificata, la giovane Bianca si vede costretta ad accettare la sorte che tocca alle donne del suo tempo: il matrimonio combinato. Promessa in sposa a Giovanni, Bianca non riesce a mandare giù l’idea di dover andare in sposa a un uomo che non conosce se non di nome. In preda alla rabbia e alle preoccupazioni, viene accolta in casa della madrina, che le mostra un oggetto molto singolare, appartenente alla famiglia da generazioni: una…

Continua a leggere →

In Cina e Giappone in Libri/ Collaborazione/ Recensione

Da non aprire mai: tre “mukashi banashi” reinterpretati da Ken Niimura

L’attrazione per il proibito, l’adrenalina rilasciata dal rischio, l’irrefrenabile voglia di oltrepassare i limiti. Sono questi gli elementi che fanno da filo conduttore ai tre racconti di “Da non aprire mai”, graphic novel dell’artista ispanico-giapponese Ken Niimura, pubblicato in Italia da Bao Publishing. Ispirati a tre storie popolari – conosciute nella tradizione nipponica come “mukashi banashi” –, quelle illustrateci da Niimura vengono reinterpretate e rappresentate con tavole dalla scelta dei colori molto particolare: al bianco e nero si alterna qua…

Continua a leggere →

In Cina e Giappone in Libri/ Recensione

Stirpe di drago: potenza e coraggio nel romanzo di Pearl S. Buck

Ling Tan e la sua famiglia vivono in un villaggio nei pressi di Nanchino, e trascorrono le loro giornate nella quotidianità semplice ed essenziale che è quella contadina. Figli da far sposare, bambini da crescere, bocche da sfamare. Queste sono le loro preoccupazioni, quando quell’anno, il 1937, cambia per sempre le loro vite. L’invasione dei giapponesi, dei “diavoli”, di quegli ometti bassi dalle gambe storte, arriva inesorabile distruggendo tutto ciò che fino ad allora si erano tanto impegnati a costruire:…

Continua a leggere →

In Cina e Giappone in Libri/ Collaborazione/ Recensione

Onnazaka. Il sentiero nell’ombra – Enchi Fumiko

Nella Tōkyō del primo periodo Meiji, epoca in cui il Giappone comincia ad aprirsi all’Occidente e a nuove idee, Tomo, moglie di Yukitomo, si reca a cercare una concubina per suo marito. Alto funzionario, discendente di una famiglia di samurai, Yukitomo è un uomo egoista e spietato, che difficilmente accetta i cambiamenti in atto all’epoca, e ancor più difficilmente si preoccupa delle opinioni degli altri quando si tratta di soddisfare se stesso. Tomo trova Suga, quindicenne che viene venduta dalla…

Continua a leggere →

In Cina e Giappone in Libri/ Collaborazione/ Recensione

Tra le nostre parole: delicatezza e introspezione nel romanzo di Katie Kitamura

Origini giapponesi, con un passato diviso fra Singapore e Francia, è arrivata all’Aja dagli Stati Uniti. Lei è la protagonista del romanzo Tra le nostre parole, di Katie Kitamura.Giunta all’Aja come interprete della Corte Penale Internazionale, la giovane è una donna alla ricerca di un posto dove mettere le proprie radici, di un posto da sentire, finalmente, proprio. Interfacciandosi giorno dopo giorno con nuove persone, venendo a contatto con il loro di mondo, la protagonista ci accompagna in un viaggio…

Continua a leggere →